mercoledì 18 gennaio 2017

Una riflessione sulle richieste d'Aiuto


Oggi vorrei condividere con voi un pensiero: come mai ci sono tante mame sofferenti ma quando si apre uno sportello per un ascolto diretto non si presenta nessuna mentre via web si? Quando noi del Gruppo di Auto Aiuto abbiamo aperto due sportelli di ascolto a Padova, dove l'associazione ha sede, eravamo piene di entusiasmo e desiderio di dare un aiuto più concreto, più diretto ed un abbraccio vero. Invece è arrivata l'amara delusione:nessuna mamma è venuta, solo specialiste desiderose di aiutarci. Perchè c'e ancora tanta omertà nel cercare aiuto diretto e non telematico? Ve lo chiedo perchè il sospetto è che sia fin troppo semplice mascherarsi dietro al web o whatsapp per dimostrare una sofferenza ma non c'e' la volontà concreta di prendere in mano il problema. Molto spesso le mamme prima chiedono aiuto e informazione e poi spariscono ... Sono qui per dirvi che CURARSI SI PUO' e SI DEVE per noi stesse e quindi i nostri bimbi ed i nostri familiari. Ma la decisione ultima spetta a noi:meglio rimanere dietro il muro del WEB o affrontare la REALTA' che non è così terrificante? Il cammino è difficile, talvolta incerto MA LA STRADA PER USCIRE DAL TUNNEL ESISTE ed E' CONSOLIDATA: basta uscire allo scoperto! Perchè ancora tanata vergogna? La Depressione in Gravidanza e nel Post Partum è una patologia oramai riconosciuta da tutto il mondo medico scientifico al pari del Diabete Gestazionale, dell'Ipertensione e tante altre patologie. Basta con le solite etichettte che la mamma depressa deve solo darsi una scossa, NON E' VERO: ha bisogno di un aiuto psicologico e farmacologico concreto ed immediato. Si immediato perchè prima la gestante o la mamma ci sura davvero, PRIMA GUARISCE e con lei esce dal dramma TUTTA LA FAMIGLIA. AIUTATEVI a CURARVI.



Questa è una preghiera che è nata spontanea nel mio cuore stanotte, mentre vi pensavo, mentre riflettevo sulla nostra Associazione che da due anni si batte per i nostri diritti alla giusta considerazione e alla giusta cura. Ma noi non possiamo aiutarvi se voi non lo volete davvero, se non vi convincete che non è nascondendosi che si guarisce ma solo uscendo allo scoperto e urlando, se serve, il nostro dolore. E non è neppure una questione di denaro:le strutture pubbliche adeguate ESISTONO. Possono non essere il meglio, ma sono più che sufficienti per uscire dal tunnel. Noi siamo qui per aiutarvi anche a trovare le strutture a voi più vicine e per voi più economicamente accessibili. Allora perchè aspettare? 
I compagni non capiscono? Beh abbiamo pubblicato un libro con decine di testimonianze di depressione e altrettante esperienze di uscita dalla malattia. Non avete i soldi per comprarlo? Basta avere la sincerità di dircelo e VE LO REGALIAMO perchè lo diate alla vostra famiglia affinchè comprenda che aiurtarvi si può e si deve: chiamateci e di diteci che avete bisogno del nostro supporto e noi ci muoveremo subito.

Molte di voi giustamente ci dicono che purtroppo siamo fisicamente distanti, ed è vero, ma con tutte le nostre risorse siamo proprio accanto a voi: questo il miracolo del digitale dell'epoca in cui viviamo. Siamo fisicamente distanti ma virtualmente accanto a voi e demandiamo a strutture fisiche l'aiuto in loco.

Ora vi chiedo sinceramente:come possiamo ancora aiutarvi? Tutto ciò che facciamo è per puro VOLONTARIATO NON RETRIBUITO, è un dono del nostro cuore perchè sappiamo esattamente cosa vivete ... AIUTATECI AD AIUTARVI e a trovare sempre la forza per tenere attiva l'Associazione. Si perchè se voi non vi aprite sinceramente, se voi non ci cercate, noi non abbiamo senso di esistere! 

Ringrazio tutte le mamme che si sono aperte con noi, che ci hanno teso la mano,  con cui siamo cresciute in questi due anni: abbiamo percorso molta strada insieme, in salita ed in discesa, ma sempre dirette verso la luce al di fuori del tunnel! 

Grazie di tutto cuore a tutte le volontarie che hanno donato e donano ogni giorno il loro tempo ma soprattutto il loro cuore pieno d'amore per tutte le mamme nel bisogno.

Un caro abbraccio a tutti voi,
Raffaella

Coordinatrice del Gruppo di Auto Aiuto, attività 
dell'Associazione di Volontariato Progetto Ilizia